La molitura ed estrazione avvengono mediante un impianto tradizionale a freddo. Di seguito elencate:

Fase 1: INGRESSO DELLE OLIVE AL FRANTOIO


Le olive stoccate vengono di seguito trasportate presso la macchina defogliatrice dove subiscono una pulizia a secco per eliminare rami, foglie e terriccio, a tutela del consumatore.

Fase 2: MOLITURA


La fase di lavorazione fa uso inizialmente di una coclea che trasporta le olive alla molazza, la quale trasforma le olive in pasta.

Fase 3: GRAMOLAZIONE


La pasta di olive che giace nella molazza va a riempire la gramola dosatrice.
Questa operazione serve per liberare l'olio, infatti all'interno del frutto dell'oliva (drupa) l'olio è racchiuso in piccole capsule chiamate "vacuoli".
La gramolazione ha il compito di rompere questi contenitori naturali e l'olio che ne viene fuori si coagula in gocce sempre più grandi fino ad affiorare in superficie.
Successivamente la pasta viene dosata in diaframmi di rafia (fiscoli) ed impilati in un carrello trasportatore che li avvierà alla successiva fase di pressione.

Fase 4: PRESSIONE


La pasta dopo essere stata sottoposta ad una pressione di circa due ore, produce un liquido (mosto olio) che viene convogliato in un pozzetto di contenimento posto dietro la pressa, dove viene aspirato da una pompa per subire la successiva separazione.

Fase 5: SEPARAZIONE


Il mosto olio viene convogliato nei separatori centrifughi che svolgono la funzione di separar l'acqua vegetale dall'olio che sarà successivamente stoccato in cisterne interrate.

Fase 6: STOCCAGGIO


L'olio stoccato in cisterne interrate, profonde fino a cinque metri, matura silenziosamente nel buio, a temperatura costante.

Fase 7: IMBOTTIGLIAMENTO


L'azienda si avvale di una catena semi automatica di imbottigliamento, tramite la quale, in base alle richieste di mercato, confeziona l'olio in tutti i suoi formati.